Rassegna teatrale Ethnos Club 2017

Domenica 5  febbraio riparte la rassegna teatrale dell’Ethnos Club; una stagione di classe composta da 6 spettacoli con il supporto organizzativo de “ La Bazzarra” e la direzione artistica di Gigi Di Luca. Carmine Borrino, Roberto Azzurro, Gigi Di Luca, Elisabetta D’Acunzo, Laura Pagliara, Simona Pipolo , Chiara Vitiello e Omar Suleiman: questi gli artisti ospiti negli accoglienti e sofisticati locali di Via Nazionale, 962. A Torre del Greco. L’apertura della rassegna è affidata a Carmine Borrino con il suo “ Francischiello, un Amleto re di Napoli”  un’opera intensa e coinvolgente, dove il giovane autore/attore napoletano veste i panni di un famoso personaggio storico, ma è protagonista, soprattutto, di una straordinaria “sfida” drammaturgica, nella quale sovrappone e confronta il piano della narrazione storica riguardante Francesco II di Borbone, ultimo re di Napoli, con quello della narrazione teatrale classica dell’Amleto di William Shakespeare.

Il cartellone prevede, inoltre, una serie di omaggi: un omaggio alla scrittura di Manlio Santanelli grande drammaturgo napoletano con lo spettacolo “Per oggi non si cade” con Roberto Azzurro e due omaggi a grandi donne :Anti/gone con la regia di Gigi Di Luca e Io sono Medea di e con Laura Pagliara. Il 2 aprile Simona Pipolo e Chiara Vitiello metteranno in scena W Circus. La chiusura della rassegna è affidata ad Omar Suleiman che con la regia di Patrizia di Martino sarà protagonista de “ La terra delle arance tristi”, un racconto sulla e per la Palestina.

L’Ethnos Club oltre alla stagione teatrale riparte con varie attività come concerti, spettacoli , reading teatrali , serate tematiche.
Gli spettacoli teatrali si terranno la domenica alle ore 18:30
Info: 0818823978

www.labazzarra.com

fb: labazzarra teatro eventi

ethnos club

 

Ethnos Club,

via Nazionale 962 bis – Torre del Greco

( Uscita autostrada Torre Annunziata Nord )

” Open – percorsi nei luoghi e nell’arte” II Edizione

Nozze di Sangue

Nell’ambito del progetto PAC III denominato ” Contemporanea”un evento classico nella storia della programmazione della Galleria Toledo con appuntamenti di teatro, cinema e musica La Bazzarra presenta Nozze di sangue di F. Garcia Lorca, con gli allievi della scuola di teatro.In occasione dell’ ottantesimo anniversario della scomparsa dello scrittore, propone lo spettacolo teatrale “Nozze di Sangue”. Il dramma teatrale, riadattato e diretto da Gigi Di Luca, presenta temi d’innegabile contemporaneità, lotte e faide di camorra e criminalità, talvolta con moventi passionali che lasciano spazio a risonanze e temi di derivazione dalla tragedia greca. Nella Grecia preistorica la rappresentazione tragica si concretizzava in sacrificio simbolico, così in quest’opera di Lorca, il tema del sacrificio ritorna centrale. Forze segrete e impetuose, annidate nel cuore e nei sentimenti dell’uomo, animano e accendono la tragedia del poeta spagnolo, forze quasi paniche disciolte nel sangue, forze che come linfa si nutrono del passato, della terra in cui i morti hanno trovato rifugio. C’è in tutto questo una sorta di predestinazione oscura che porta i personaggi alla catastrofe . Questa stessa sorte tocca infatti allo Sposo e alla Sposa di Nozze di Sangue , esposti all’inesorabile cadenza del destino impietoso. Ispirata da un fatto di cronaca, l’opera presenta la purezza e la compostezza di un mito, in cui anche gli elementi di verismo e di folclore perdono ogni consistenza aneddotica e di realtà occasionale, per attingere all’intensità rarefatta delle essenze.
Interpreti i.o.a.
Maria Chiara Carrino
Michele Civitillo
Veronica De Carlo
Maria Grazia Di Rosa
Gennaro Niglio

Informazioni:
Ingresso Gratuito
giorni di rappresentazione: 8 e 9 novembre ore 21:00.

Teatro stabile Galleria Toledo – info 081/8823978 – 081/425037

Saggio di Fine Anno

Saggio di Fine Anno
Giovedì 29 giugno 2017 – dalle ore 18,30

Teatro Plinius – Don Orione
Ercolano

 

Scuola di Teatro

Lezioni prova gratuite per bambini e ragazzi.

Riapertura sede Via Nazionale 962/bis – Torre del Greco

Festival Ethnos

Festival Ethnos – XX edizione
Festival Internazionale di Musica Etnica

Dal 10 al 27 settembre si snoderà tra San Giorgio a Cremano e altri Paesi Vesuviani,
in location storiche e dal grande fascino artistico e culturale.

A SUD – Secondo Movimento

A SUD – SECONDO MOVIMENTO

Spettacolo del 07/11/2014 al Teatro Mediterraneo – Mostra D’Oltremare

 

 

A Sud/secondo movimento è il nuovo spettacolo per la regia di Gigi Di Luca che debutta venerdì prossimo, 7 novembre, sul palcoscenico del Teatro Mediterraneo di napoli, presso la Mostra d’Oltremare. Frutto di un laborioso lavoro che coinvolge 15 artisti, tra attori e musicisti, che arricchiranno la recitazione con strumenti e suoni della tradizione mediterranea.

“Ho pensato ad una messa in scena con una partitura teatrale senza rigidi binari su cui far scorrere storie, ma piuttosto come un flusso di emozioni e stati d’animo contrapposti. L’incontro tra gli artisti immigrati che vivono a Napoli – provenienti da Tunisia, Sri Lanka, Romania, Costa d’Avorio e Argentina – e i giovani attori campani selezionati per questo progetto, è stato un fondamentale spunto creativo; gran parte della drammaturgia è stata scritta ascoltando i loro racconti di emigrazione e le loro storie di vita, fondendo il tutto in un unico linguaggio con più piani narrativi tra musica, parola e gestualità.

Il secondo movimento come partenza, esplorazione… Quel levare che si contrappone e segue il battere dell’inizio… della nascita. Una consapevolezza della vita, nel suo dolore e disagio, luogo della mente in cui ogni uomo è straniero; chi giunge a Napoli, e chi, invece, da Napoli parte, verso storie di emarginazione dell’anima. C’è un unico Sud in questo secondo movimento, un solo eguale livello di migrazione, tra chi straniero lo è per davvero e chi invece è stato esiliato nella sua stessa città, confinato senza più casa, lavoro, famiglia, terra.”

Lo spettacolo vincitore del bando del Forum delle Culture di Napoli è promosso e curato dall’Associazione Culturale Ethnos Club, mentre l’organizzazione è stata affidata a Viviana Agretti e Rossella Accardo de L’Invasione degli Angeli, format del 2013 di formazione artistica e management culturale, finanziato come capofila dal Comune di Torre del Greco. Gli artisti sono stati selezionati attraverso un avviso pubblico nel mese di agosto ed hanno seguito un laboratorio gratuito, propedeutico alla messa in scena, nei mesi di settembre ed ottobre. Essi sono in ordine alfabetico Maria Adamo, Valeria Bassolino, Claudio Benegas (Argentina), Laura Chesi, Monica Cipriano, Laura Ferraro, Abraham Kouadio (Costa d’Avorio), Carlo Liccardo, Prageeth Perera (Sri Lanka), Annalisa Renzulli, Ilaria Scarano, Cira Sorrentino. Musicisti dal vivo sul palco: Costel Lautaru (Romania), Francesco Manna, Marzouk Mejri (Tunisa), Aniello Palomba. Durante questi mesi hanno avuto l’opportunità di lavorare con grandi nomi dello spettacolo napoletano, uno su tutti Antonella Morea, che impreziosirà anche la serata del 7 novembre con la sua straordinaria partecipazione.

L’ARTE NON METTERLA DA PARTE

In Diverso Canto

Forum Universale delle Culture

di Napoli e Campania

presenta

In Diverso Canto

a cura del Festival Ethnos

Mostra d’Oltremare di Napoli

12 ottobre – 2 novembre 2014

 

Suoni, rituali, racconti e danze senza tempo, dall’Africa all’Asia, dal Medio Oriente ai Balcani. Tradizioni secolari e storie di lotta, canti autentici e di rivalsa, liturgie sonore e popolari. Ecco “In Diverso Canto”, rassegna ideata e diretta da Gigi Di Luca nata dall’esperienza ventennale del festival Ethnos, organizzata da La Bazzarra e presentata dal Forum Universale delle Culture di Napoli e Campania. Sette spettacoli in programma dal 12 ottobre al 2 novembre nel Villaggio del Forum presso la Mostra d’Oltremare di Napoli, contenitore creato ad hoc che traccia un ideale percorso stilistico tra musiche, culture e linguaggi apparentemente lontani. Ad inaugurare la rassegna domenica 12 ottobre all’esterno dell’Arena Flegrea (ingresso via Terracina) è il New Trio del compositore e pianista cubano Omar Sosa, accompagnato dal pluripremiato trombettista tedesco Joo Kraus e dal percussionista venezuelano Gustavo Ovalles. La musica del combo, sospesa tra jazz, elettronica, etnica e contemporanea, crea un’atmosfera magica originata dall’esperienza di ciascuno dei musicisti e dall’espressione delle loro differenti radici musicali.

Il 13 ottobre al Teatro Mediterraneo (ingresso piazzale Tecchio) va in scena Al-Kindi, uno dei migliori ensemble di musica classica araba, che accompagna le suggestioni dei siriani Dervisci Rotanti di Damasco in uno spettacolo evocativo e ipnotico. Una sintesi perfetta tra ricerca spirituale, danza e canto.

Sabato 18 ottobre ritorna a Napoli Moni Ovadia: il drammaturgo, scrittore e cantastorie originario di Plovdiv con la sua Stage Orchestra presenta, sempre al Teatro Mediterraneo, il recital “Senza confini. Ebrei e zingari”. Un concerto-spettacolo fatto di racconti e sonorità klezmer, di storie rom, sinti e melodie dell’est Europa.

Il giorno seguente Seun Kuti & Egypt 80 porta sul palco allestito all’esterno dell’Arena Flegrea sonorità tipiche della più ricercata black music, fatta di ritmi incalzanti, new soul, rap, funk e testi battaglieri. Il figlio del Fela Kuti – rivoluzionario musicista e attivista nigeriano, inventore dell’afrobeat – accompagnato dai 12 musicisti della più travolgente macchina ritmica dell’Africa tropicale, presenta l’ultimo album “A long way to the beginning”. Come il padre, Seun lotta con la musica per l’affermazione del proprio popolo.

Lunedì 20 al Teatro Mediterraneo, invece, va in scena “Donne d’Oriente”. Un affascinante connubio di danza e musica nel quale Sonia Sabri, accompagnata  da Sutapa Dey e Sarvar Sabri, esplora le radici del kathak, una danza tradizionale che unisce elementi hindu e islamici, diffusa nell’India settentrionale tra Uttar Pradesh, Rajasthan e Madhya Pradesh. In apertura, l’esibizione del duo coreano S:um, ovvero Jiha Park (piri, saenghwang, yanggeum) e Jungmin Seo (gayageum).

Il 30 ottobre Trilok Gurtu rende omaggio a Don Cherry col suo nuovo progetto “Spellbound”. Ad accompagnare il virtuoso percussionista indiano sul palco del Teatro Mediterraneo ecco Frederik Köster alla tromba, Jonathan Ihlenfeld Cuniado al basso e Tulug Tirpan al pianoforte e tastiere.

Gran finale il 2 novembre con un’icona della musica sudafricana e della lotta contro l’apartheid: Hugh Masekela. Il leggendario trombettista e cantante classe 1939 vincitore di due Grammy Awards, in oltre 50 anni di carriera ha esplorato le melodie tradizionali e i ritmi della sua terra riversando nella sua arte sia i colori del jazz che il pop occidentale, inventando di fatto la world music. Nella sua unica data italiana, al Teatro Mediterraneo, presenta un live set che racchiude il meglio del suo straordinario percorso artistico che ha segnato la storia del continente nero.

 

Tutti i concerti in programma sono ad ingresso gratuito e avranno inizio alle ore 21. L’ingresso alla Mostra d’Oltremare ha il costo di 1 euro.

 

 

Workshop di danza indiana kathak

Forum universale delle Culture
Festival In diverso Canto
 

20 ottobre 2014

Workshop teorico-pratico di Danza indiana Kathak

con

Sonia & Sarvar Sabri

Il Kathak è la più importante forma di danza classica dell’India del nord.  Il nome Kathak deriva dal sanscrito katha, che significa storia, e kathaka ossia colui che narra una storia.

Si caratterizza per il movimento ritmico dei piedi (tatkar), i salti (utplavana) e le piroette (chakkar). Nella parte espressiva (abhinaya), in cui sono narrate generalmente storie della tradizione devozionale vishnuita, sono eseguiti anche movimenti del viso (mukhaja abhinaya), in particolare delle sopracciglia e gestualità delle mani (hasta abhinaya)

 
Sonia Sabri è considerata come la più importante interprete e ballerina di Kathak della sua generazione, dotata di una tecnica precisa e aggraziata, il comando del ritmo e del repertorio e un approccio indagatore allo sviluppo del Kathak come forma d’arte. Tutto questo l’ ha condotta alla creazione di un suo stile originale e unico, acclamato dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo.
Durante il workshop Sonia, accompagnata dalla tabla del maestro Sarvar Sabri, illustrerà i passi base del Kathak e la loro esecuzione ritmica a diverse velocità.
Il workshop è  aperto a chiunque sia desideroso di scoprire  questa meravigliosa danza.
 
Teatro Mediterraneo – Viale Kennedy 80125 Napoli -  1° piano

Orario: 17h30

Durata : 90 minutii

Numero max di partecipanti: 30 persone
 
Modalità d’iscrizione: invio di una richiesta d’iscrizione a indiversocanto@gmail.com. L’iscrizione  sarà confermata dall’organizzazione sulla base dei posti disponibili.
 
Livello: principianti

 

Articoli precedenti »